Ciant da li ciampanis

Co la sera a si pièrt ta li fontanis

il me paìs al è colòur smarìt.

 

Jo i soj lontàn, recuardi li so ranis,

la luna, il trist tintinulà dai gris.

 

A bat Rosari, pai pras al si scunìs:

io i soj muàrt al ciant da li ciampanis.

 

Forèst, al me dols svualà par il plan,

no ciapà pòura: io i soj un spirt di amòur

 

che al so paìs al torna di lontàn.

 

 

Canto delle Campane

Quando la sera si perde nelle fontane,

il mio paese è di colore smarrito.

 

Io sono lontano, ricordo le sue rane,

la luna, il triste tremolare dei grilli.

 

Suona Rosario, e si sfiata per i prati:

io sono morto al canto delle campane.

 

Straniero, al mio dolce volo per il piano,

non aver paura: io sono uno spirito d’amore,

 

che al suo paese torna di lontano.

 

 

Pier Paolo Pasolini (Italia, 1922-1975), Poesie a Casarsa (1941-43) – 1. Casarsa

 

L’immagine di copertina è uno still da video di Le Ceneri di Pasolini, courtesy Alfred Jaar (2009, 36 minuti, colore)

Lascia un commento