Conversazione con l’artista (2)

 

Il mio primo insegnante mi disse che

la scultura involveva la deità.

Non stava parlando dei vecchi tempi, tipo

plasmare un uomo da una costola.

Fuori dalla terra. Un dio può vedere qualcosa

 

che non esiste ancora in questo mondo. Chi

avrebbe potuto immaginare la giraffa,

il polipo, la platessa? Chi

 

avrebbe potuto immaginare le nostre sensibilità affilate,

le nostre contorsioni? I materiali stavano

tutti lì – occhi, sangue, il respiro.

 

ma, ancora, li hanno fatti daccapo. Ora io so

che in questi tempi una tale visione

è contro la scienza, ma l’idea di un dio è tanto reale

 

quanto dio non lo sia. Uno scienziato che vede

cosa è stato fatto

versus un altro che può fare paglie dall’oro.

 

O, ancora, la plastica dal petrolio.

La carta dagli alberi. Tu

devi solo decidere che tipo vuoi essere.

 

Stiamo sbagliando quando mettiamo sullo stesso piano il saggio

ed il profetico. State sempre guardano

sia indietro che davanti.

 

Questo pezzo vi pone su un precipizio.

Sta a voi

scegliere in che modo cadere. E’ tutto lì.

 

Lo scienziato e l’artista una volta erano tutt’uno –

in quale altro modo potete registrare

cosa dite? In che altro modo trovereste un modo di vedere?

 

 

Rebecca Morgan Frank (USA), da The spokes of Venus, Canergie Mellon University Press, 2016 (fonte: Poetry Foundation), traduzione a cura di Slow Words

 

Per leggere e scoprire di più sulla poetessa (in lingua inglese): https://rebeccamorganfrank.com/

 

L’immagine di copertina è una citazione da Franz Kafka, Il Castello ed è un’opera d’arte del collettivo Claire Fontaine, vista ad Art Basel da Air de Paris

 

Lascia un commento